Calciomercato Verona Gennaio 2021: acquisti, cessioni e bilancio finale

Cosa dire di questo mercato? Viste le difficoltà che il calcio italiano (e mondiale) sta attraversando a causa della crisi economica dovuta alla pandemia da Covid-19, l’Hellas Verona, ancora una volta, ha condotto un mercato con acume e intelligenza, rinforzando la squadra con due giocatori d’esperienza e di qualità.

Tony D’Amico, l’uomo a cui non piace apparire (ed è un gran pregio), ha convinto anche i più scettici. Da quando è il Direttore Sportivo del Verona, l’ex braccio destro di Fusco ha dimostrato di sapersi muovere con astuzia, non facendo mai il passo più lungo della gamba. L’acquisto di Lasagna è il più oneroso della sua gestione, il secondo più costoso dell’era Setti. Il suo arrivo potrebbe rappresentare una svolta per il modus operandi del Verona, non più relegato a semplice valorizzatore di talenti di altre squadre. Oltre a lui è arrivato anche Sturaro dal Genoa, un centrocampista che Juric conosce bene.

Bravo, D’Amico, lo è stato anche nelle uscite. Si è dovuto aspettare l’ultimo giorno, ma l’Hellas si è “liberato” degli ingaggi di Vitale e Di Gaudio ceduti a titolo definitivo rispettivamente a Frosinone e Chievo. Il giovane Danzi è andato a farsi le ossa ad Ascoli, mentre Di Carmine e Laribi hanno rinnovato per poi essere ceduti a titolo temporaneo a Crotone e Reggiana.

Leggi anche:

Voti Roma-Verona 3-1: le Pagelle dei Gialloblù

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.