Hellas Verona, Bessa a La Gazzetta dello Sport: “La fiducia di Juric ha un grande valore per me”

HELLAS VERONA – Nel corso di un’intervista concessa ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, Daniel Bessa ha parlato del suo ritorno a Verona dopo anni di prestiti tra Genoa e Brasile, soffermandosi anche sul proprio rapporto con Juric e sull’imminente nascita dei suoi due gemelli.

Queste le dichiarazioni rilasciate dal centrocampista gialloblù alla Rosea: “Mia moglie Raphaela è incinta, avremo una coppia di gemelli, un maschio e una femmina. Nasceranno tra due mesi qui a Verona, è un momento bellissimo. Si chiameranno Pedro e Maria, nomi evangelici, Raphaela ci tiene molto. Il nostro momento? Come ha detto Juric dopo la vittoria di Cagliari, dobbiamo superare i 49 punti della scorsa stagione. Non dobbiamo porci limiti”.

Sulla società e su Juric: “Com’è cambiato il club in questi anni? Ha fatto almeno tre passi in avanti. L’unica cosa che non è cambiata sono i campi d’allenamento a Peschiera del Garda. Per il resto è più organizzato e strutturato per lavorare in maniera proficua. La società è cresciuta tanto. Juric? L’ho conosciuto la prima volta nel 2018. Rimase solo per alcune giornate, ma le idee erano chiare allora come lo sono adesso. Quando l’ho ritrovato qui il passaggio è stato breve perché mi sono infortunato e non ho più potuto giocare. Il mister è sempre più bravo e completo sotto ogni punto di vista“.

Battute conclusive: “Il mio minutaggio? Non credevo che mi avrebbe dato tanto spazio. Mi fa piacere la sua fiducia e questo ha per me un grande valore. Ci si allena sempre con l’auspicio di essere titolari, ma per come giochiamo anche in uno scorcio di tempo ridotto puoi incidere. A prescindere dai minuti giocati, è fondamentale dare un contributo importante“.

Foto: Instagram Daniel Bessa

Leggi anche: 

Verona-Lazio, l’Arbitro sarà Chiffi di Padova (Serie A 2020-21)

Precedenti Verona-Lazio: Statistiche e Curiosità (Serie A 2020-21)

Juric squalificato dal giudice sportivo: salta Verona-Lazio

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.