Hellas Verona, Fanna: “Il gol con la Lazio il più importante della mia carriera”

Esattamente 35 anni fa il Verona di Osvaldo Bagnoli, battendo per 4-2 l’Avellino, festeggiava al Bentegodi lo Scudetto conquistato una settimana prima sul campo dell’Atalanta. Protagonista indiscusso di quella cavalcata su Piero Fanna che ai microfoni de L’Arena ricorda emozionato quei momenti magici.

Queste le sue parole: “Oggi sono trentacinque anni giusti dalla nostra festa. Che emozione. Ricordo che già un’ora prima dell’inizio della partita eravamo entrati in campo e c’era uno stadio tutto gialloblù. Una domenica da favola per la città. La mia storia con l’Hellas? Volevo giocare con continuità e accettai il Verona e Bagnoli ci capimmo al volo. Poche cose semplici. Svariavo a destra e a sinistra, grazie anche a compagni forti e intelligenti. La mia miglior gara contro la Stella Rossa? Sì, sono d’accordo. Giocai a tutto campo. Ricordo l’applauso dei compagni nello spogliatoio. Poi segnare il rigore della vittoria. Certe giocate le ricordo ancora, sembra impossibile ma è così“.

Continua Fanna: “La vittoria determinante? Scuramente quella contro la Lazio in casa. Loro hanno fatto la partita dell’anno anche se praticamente retrocessi. È stato un incontro molto duro. La mia corsa dopo aver segnato? Fu il gol scudetto. Quella rete è stata la più importante della mia carriera. Bagnoli? Sono stato con lui più di tutti e me lo sono goduto anche da giocatore. Lui ci teneva moltissimo. Con i vecchi gialloblù ha giocato sino a settant’anni. Ed abbiamo fatto tante partite insieme. Adesso almeno una volta ogni 10 giorni ci facciamo una bella camminata insieme. È stato il mio papà calcistico”.

Leggi anche:

L’Hellas e il 18 maggio: una data importante per la storia recente del Verona 

Hellas Verona, West Ham interessato a Ivan Juric

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.