Hellas Verona, Faraoni a L’Arena: “Felice di essere rimasto”

Intervistato dai microfoni de L’Arena, l’esterno dell’Hellas Verona Marco Davide Faraoni ha commentato la decisione di rimanere ancora in gialloblù nonostante gli interessamenti di doversi club di fascia medio-alta.

Queste le sue principali dichiarazioni: “Sono molto felice di essere rimasto all’Hellas Verona. Ho detto al mio procuratore di non telefonarmi a meno di situazioni concrete. Volevo stare concentrato sul Verona e basta. Nazionale? Si vede che quanto fatto finora non basta, devo lavorare di più“.

Sul ruolo di vice-capitano: “Nel gruppo ci sono delle regole. Miguel è il capitano, e quando non c’è spetta me indossare quella fascia. Mi dà tanta carica e molta responsabilità. Essere il capitano dell’Hellas è qualcosa di importante. I nuovi acquisti? Hanno bisogno di tempo per inserirsi. Mi piace molto Ilic, a Parma ha fatto vedere le sue qualità e sono sicuro che ci darà una grande mano“.

Battute conclusive: “In Serie A è sempre più dura salvarsi, ogni anno sempre di più. Dobbiamo rimanere concentrati. Europa League? Deve restare un sogno. Lunedì abbiamo una gara molto tosta. Ruegg? È un ottimo compagno ed un giocatore molto forte. Ho lottato tanto per ritagliarmi un posto da titolare in un club di grande livello come l’Hellas, ora sono gli altri a dover fare la mia strada. Non voglio mollare di un millimetro“.

Leggi anche: 

Hellas Verona, negativi tutti i test al Covid-19 del gruppo squadra

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.