Hellas Verona, il ritorno di Liam Henderson: Grosso ha un’arma in più

HELLAS VERONA/ Da un po’ di tempo di Liam Henderson non si avevano più notizie. Il centrocampista scozzese arrivato in estate dal Bari a parametro zero era uscito dai radar, tanto che l’ultima apparizione da titolare era datata 20 gennaio, in occasione del tracollo di Padova. Dopo quella partita Grosso, che pure aveva spinto per l’acquisizione del duttile mediano allenato nella scorsa stagione, gli aveva preferito i vari Gustafson e Faraoni, adattando addirittura il terzino ex Crotone nel ruolo di mezzala.

Nell’illusorio inizio di stagione dell’Hellas, Henderson fu sicuramente tra i migliori, un centrocampista fisico ma di qualità, con una grande capacità di inserimento negli spazi. Con lui, Zaccagni e Colombatto, l’Hellas sembrava aver trovato la mediana ideale, tutta ritmo, muscoli e cervello. Ma con il passare delle settimane il giovane scozzese si smarrisce, fornisce prove incolori e viene accantonato in panchina proprio da quell’allenatore che lo aveva fortemente voluto.

Un calo fisico non poteva essere la sola spiegazione di un andamento così decrescente. Ed è stato proprio Grosso, nel post partita di domenica, a spiegare come Henderson avesse vissuto negli ultimi mesi un periodo di appannamento anche dovuto alla poca esperienza (ricordiamo che è un classe 1996, ndr) del calcio italiano.

Nel derby con il Venezia il tecnico abruzzese lo ha rilanciato dal primo minuto e il centrocampista scozzese ha risposto presente. Prestazione di qualità e quantità, con un ritmo elevato per tutti e 90 i minuti. E non era cosa scontata per un giocatore che non partiva titolare da quasi due mesi.

Ora anche a causa della grande moria di infortuni che hanno colpito la parte centrale del campo, l’Hellas ha (ri)trovato un’arma importantissima per il suo finale di stagione.

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.
No comments yet! You be the first to comment.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!