Hellas Verona, Veloso: “Qui mi sono ritrovato, sono carico per la nuova stagione”

In un’intervista esclusiva al settimanale SportWeek, Miguel Veloso ha raccontato questi due anni vissuti in riva all’Adige con la maglia dell’Hellas Verona, dell’imminente inizio degli Europei e delle prospettive per il futuro.

Queste le sue principali dichiarazioni: “Credo che a vincere l’Europeo sarà la squadra che si rivelerà più fresca, la condizione atletica conterà più della tecnica. Il Portogallo? Ci arriva bene e in questi anni ha costruito una base solida alla quale sono stati aggiunti giovani di talento. L’Italia? Mancini ha fatto un grande lavoro, ha uno stile di gioco che mi piace“.

Sull’esperienza in gialloblù: “Nell’ultima stagione abbiamo fatto un grande salto qualità salvandoci bene come lo scorso anno. Eravamo partiti tra mille diffidenze ma alla fine abbiamo fatto una grande stagione. Juric però è stato bravo, ci ha fatto lavorare tantissimo e ci siamo presi grandi soddisfazioni per noi, per la società e per i tifosi. Juric? Il suo è un calcio uomo contro uomo, in cui ognuno deve fare il proprio meglio. È un modo di giocare aggressivo e in cui si punta a vincere ogni contrasto per ripartire. Il mister ha avuto grandi meriti in questi due anni, il resto ce l’abbiamo messo noi che, sapendo di non essere i migliori del campionato, abbiamo lavorato il doppio degli altri“.

Battute conclusive: “All’Hellas mi sono ritrovato. Negli ultimi due anni al Genoa non avevo fatto benissimo e sono arrivato al Verona con grandi motivazioni. Era una sfida con me stesso per dimostrare che potevo dare ancora qualcosa. Quest’anno sono stato frenato da piccoli infortuni e ho dovuto sottopormi a un intervento al collo piuttosto delicato, perciò sento dentro una voglia ancora maggiore pensando alla prossima stagione“.

Foto: Getty