Hellas Verona, Verre a La Gazzetta dello Sport: “Contro la Samp sarà una partita aperta”

Alla vigilia della sfida salvezza tra Verona e Sampdoria, l’ex della gara Valerio Verre, intercettato dai microfoni de La Gazzetta dello Sport, ha parlato del match del “Bentegodi” e della sua decisione di lasciare la squadra blucerchiata in estate per trasferirsi in terra scaligera.

Queste le sue principali dichiarazioni: “Quando ho comunicato a Di Francesco la mia volontà di andare a Verona mi ha risposto di non comprendere la mia scelta. Com’è Juric? Molto diretto. Dice sempre che siamo una famiglia all’interno della squadra e che dobbiamo dirci sempre tutto in faccia, problemi compresi. Il nuovo metodo di lavoro? Credo di non aver mai affrontato allenamenti così intensi. Stravede per me? Mi fa piacere ed è uno stimolo. Mi bacchetta perché dice che potrei fare di più”.

Continua Verre: “Abbiamo iniziato bene il campionato fornendo ottime prestazioni, ma raccogliendo meno di quanto meritassimo. L’importante è mantenere questa mentalità. La Samp? Che sia ultima in classifica non ci deve importare. Noi dobbiamo sapere che loro vorranno vincere a Verona, non si accontenteranno del pareggio. Dovremo essere bravi a contrastarli, ad aggredirli. Sarà una partita aperta e avremo dalla nostra il Bentegodi. Nesta a Perugia mi ha trasformato in trequartista? A sorpresa durante un’amichevole durante la sosta del campionato. Adoro giocare lì adesso”.

Foto: TMW

Leggi anche:

Precedenti Verona-Sampdoria: Statistiche e Curiosità (Serie A 2019-20)

Verona-Sampdoria, tifoserie pronte a rinnovare un gemellaggio lungo 46 anni

Verona-Sampdoria, l’Arbitro sarà Fabbri di Ravenna (Serie A 2019-20)

Verona-Sampdoria, il punto sulle assenze: infortunati e squalificati

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.