Juric alla Gazzetta dello Sport: “Col Genoa vogliamo vincere”

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, il tecnico dell’Hellas Verona, Ivan Juric, ha parlato del campionato condotto dai suoi ragazzi e dell’ultima sfida stagionale contro il Genoa, squadra con la quale il croato ha condiviso tantissime emozioni da giocatore e da allenatore.

“Domenica vogliamo vincere contro il Genoa – ha detto Juric – perché c’è in palio l’ottavo posto in classifica, sarebbe fantastico. Infastidito dalle voci sulla presunta morbidezza? Mi fa schifo questo modo di pensare, è brutto e fastidioso per la gente onesta. All’estero e negli altri sport, nemmeno pensano che possa accadere”.

Juric, fresco di rinnovo, ha spiegato la trattativa con Maurizio Setti: “Con il presidente Setti a livello economico ci eravamo accordati da mesi. I miei dubbi erano legati all’investimento futuro. Volevo il massimo perché penso che dobbiamo migliorare, me compreso. Ho ascoltato altre proposte, poi mi è venuto naturale scegliere Verona. Quando ti trovi così bene, vuoi continuare questa sensazione piacevole. Sono strafelice. Molti sottovalutano l’aspetto umano: invece stare bene in un ambiente di lavoro come qui dove non si finge è fondamentale. Non contano solo i soldi, il successo, gli obiettivi sul campo. Ci sono anche altri valori. Bisogna programmare, c’è qualche risorsa da investire in più rispetto a quest’anno.”

L’ultimo mercato estivo ha regalato all’Hellas colpi low-cost davvero incredibili: “Nella scorsa estate ci siamo arrangiati bene, ci siamo mossi con logica con il d.s. D’Amico. Adesso possiamo fare anche qualcosa in più e magari avere meno giocatori in prestito. Possiamo fare un passo in avanti. Kumbulla è pronto per una grande squadra, anche se mi piacerebbe che rimanesse un altro anno. Amrabat ha una forza mostruosa, Veloso è tutto intelligenza e tecnica, Pessina è imprevedibilità e in parte attaccante.”

Leggi anche:

Verona-Lazio 1-5, Juric: “Ad inizio anno mi hanno chiesto una retrocessione dignitosa”

Hellas Verona, ufficiale il rinnovo di Ivan Juric