Pescara-Verona 0-1: conferenza stampa Aglietti post partita

Ai microfoni di DAZN il tecnico dell’Hellas Verona Alfredo Aglietti ha commentato così la vittoria sul campo del Pescara che ha portato la sua squadra a giocarsi la doppia finale contro il Cittadella.

Queste le dichiarazioni del tecnico gialloblu: “Abbiamo fatto anche questa sera un’ottima partita, soprattutto il primo tempo dove siamo stati in totale controllo della gara. Sapevamo che la partita avrebbe potuto sbloccarsi in qualsiasi momento. Venire a vincere qui non era semplice. Siamo molto contenti di essere in finale dove incontreremo una squadra che è assolutamente meritevole di esserci come lo siamo noi. Sarà una battaglia. Siamo soddisfatti di quanto fatto finora ma non ci possiamo accontentare“.

Continua Aglietti: “Pochi gol subiti? Abbiamo lavorato molto sulla fase difensiva perché con la qualità che abbiamo li davanti il gol prima o poi lo troviamo. Vedo un atteggiamento positivo, propositivo e con grande voglia di sacrificarsi da parte di tutti. La sostituzione di Laribi? Era una preparazione all’inserimento delle due punte. Prima della gara ero molto indeciso se farlo giocare perché finora aveva speso tanto. Ha fatto una grande partita. Doppio centravanti? Per reggiare un attacco del genere serve un lavoro che non si può fare in tre giorni. Bisognava lavorarci prima. Nel momento del bisogno si può utilizzare, dall’inizio è una scelta un pò forzata“.

Battute conclusive: “Dove ho lavorato? Si sulla testa, ma anche molto sul campo. Oltre alla difesa abbiao cercato di modificare il possesso palla rendendolo più verticale. Credo che finora siamo riusciti a dare una quadratura diversa. Ora godiamoci la serata, ma da domani testa al Cittadella“.

Foto: Corriere dello Sport

Leggi anche:

Pescara-Verona 0-1: le dichiarazioni di Di Carmine nel post partita

Pescara-Verona 0-1: Risultato Finale

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.