Pescara-Verona 1-1: conferenza stampa Sebastiani post partita

Al termine del pareggio per 1-1 tra Pescara e Hellas Verona, il presidente degli abruzzesi Daniele Sebastiani ha commentato la partita nella mixed zone dello stadio Adriatico.

Queste le principali dichiarazioni del Presidente abruzzese, così come riportato da tuttomercatoweb.com: “Abbiamo giocato contro una grande squadra, il Verona ha creato tante palle gol e Fiorillo ha fatto almeno quattro parate importanti. Il Verona è stato costruito per vincere. Noi commettiamo gli stessi errori, segniamo e poi pensiamo di poterlo portare fino alla fine.

A un certo punto non riuscivamo ad uscire, poi il mister ha fatto un paio di cambi e alla fine col 3-5-2 abbiamo giocato meglio, il Verona è anche calato un pò e abbiamo avuto le nostre occasioni. Il risultato è giusto, sono contento perchè un punto contro il Verona è un buon punto anche se potevamo fare di più. Sottil e Bettella? Non è la risposta a chi ha criticato il mercato di gennaio. Tutti parlano dei giocatori che nemmeno sanno dove sono di casa. Sono due ragazzi giovani che stanno facendo bene, per noi è una soddisfazione e non dobbiamo rispondere a nessuno”.

“Oggi la curva abbia dimostrato che cosi è una curva importante che si è fatta sentire tutta la partita. Ha ricordato un ragazzo che non c’è più, però è chiaro che se vuoi spingere la squadra ci vuole lo stadio pieno. In altri stadi ci sono sempre questi numeri, non solo se ci giochiamo i playoff. Il pubblico è il dodicesimo uomo se è sempre cosi come oggi. La sofferenza è solo per via dell’atteggiamento? Si, credo di si. Ci vuole coraggio in tutte le cose, a un certo punto pare che il proprietario del pullman non sia voluto entrare, a momenti parcheggiava pure il pullman davanti alla porta“.

Leggi anche:

Pescara-Verona 1-1: prosegue il silenzio stampa

Pescara-Verona 1-1: Il Tabellino

Pescara-Verona: Pronostico e Formazioni (Serie B 2018-19)

Pescara-Verona: i Convocati di Pillon (Serie B 2018-19)

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.