Verona-Genoa 2-1: le dichiarazioni di Verre nel post partita (Serie A 2019-20)

Nella zona mista dello stadio Bentegodi, il centrocampista dell’Hellas Verona Valerio Verre ha commentato la bella e pesantissima vittoria in rimonta per 2-1 contro il Genoa.

Queste le sue dichiarazioni, così come riportato da hellasverona.it: “Che vittoria è stata? Abbiamo fatto una partita bellissima, siamo andati sotto per poi reagire da squadra. Non abbiamo mai mollato, perchè volevamo vincerla. Nel secondo tempo abbiamo continuato a spingere, perchè il mister ci ha detto di continuare, aumentando il ritmo. Così è uscito il Verona che conosciamo ed è arrivata una vittoria meritata. Io rigorista? No, perchè quando c’è il Pazzo tira lui. Oggi però, come a Milano, me la sentivo di calciare e così ho fatto. La soluzione del tiro centrale dal dischetto? Diciamo che mi confronto con i portieri ogni volta per capire quale è la soluzione migliore. Oggi è andata bene, vedremo la prossima”.

“Io in attacco con Pessina e Zaccagni? Ci siamo trovati bene, il mister mi ha chiesto di abbassarmi per giocare con Veloso e Amrabat ma allo stesso tempo di attaccare la profondità. Non volevamo dare punti di riferimento, direi che ci siamo mossi bene. Qual è ora il nostro obiettivo? Assolutamente la salvezza, lo diciamo sempre, perchè è così. Dobbiamo rimanere umili e puntare sulla forza del gruppo. Se è aumentata la qualità del nostro gioco? Certo, vincendo giochiamo con la testa più libera, riuscendo così ad esprimerci meglio, e i risultati si vedono. Io top scorer del Verona? Prima di tutto vengono gli interessi della squadra, il merito è dei miei compagni“.

Leggi anche:

Verona-Genoa 2-1: le dichiarazioni di Nicola nel post partita (Serie A 2019-20)

Verona-Genoa 2-1: le dichiarazioni di Juric nel post partita (Serie A 2019-20)

Verona-Genoa 2-1: Risultato Finale e Tabellino (Serie A 2019-20)

Verona-Genoa: Formazioni, Pronostico e Quote (Serie A 2019-20)

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.