Verona-Milan: conferenza stampa Juric pre partita

Alla vigilia del posticipo della terza giornata di campionato contro il Milan, l’allenatore dell’Hellas Verona Ivan Juric ha presentato il match contro i rossoneri nella consueta conferenza stampa pre-partita.

Queste le principali dichiarazioni del tecnico croato, come riportato da hellasverona.it: “La preparazione della partita? Abbiamo lavorato bene durante gli allenamenti nonostante l’assenza dei nazionali. Siamo molto fiduciosi e puntiamo a fare una buona prestazione. Feeling con la squadra? Lavoriamo duramente giorno per giorno, sono molto contento. C’è grande impegno.

Come mettere in difficoltà il Milan? Dovremo avere la testa libera e dare il massimo. Stepinski? Sta bene fisicamente e lavora duramente. Ha voluto fortemente l’Hellas. Cosa possono aspettarsi i tifosi gialloblù? Massimo impegno e determinazione. Certamente vogliamo migliorarci ancora rispetto alle prime due partite: il Milan è una squadra molto forte ma dobbiamo anzitutto credere in noi stessi.

Fattore Bentegodi? Vogliamo positività e tanto calore da parte del nostro pubblico, e anche questa volta sono certo non mancherà. Stepinski punta centrale? E’ un attaccante molto duttile: può giocare in coppia come punta unica. Giampaolo mi ha fatto i complimenti? Fa sempre piacere e tra di noi c’è profondo rispetto e stima.

La chiave per domenica? L’obiettivo è preparare varie alternative per mettere in difficoltà il Milan puntando sulla fase difensiva e sulle ripartenze. Pessina titolare? Dobbiamo ancora valutare la sua condizione, ma è una delle opzioni. Di Carmine recuperato? Ha lavorato bene durante la settimana: è un giocatore per noi importante“.

Leggi anche:

Biglietti Verona-Milan: superata quota 20.000 tagliandi venduti

Precedenti Verona-Milan: Statistiche e Curiosità (Serie A 2019-20)

Verona-Milan, l’Arbitro sarà Manganiello di Pinerolo (Serie A 2019-20)

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.