Verona-Perugia 4-1: le dichiarazioni di Aglietti nel post partita

E’ un Alfredo Aglietti contento e soddisfatto quello che si presenta in conferenza stampa al termine della vittoria per 4-1 ottenuto dai suoi ragazzi ai supplementari nel turno preliminare dei play-off.

Queste le sue principali dichiarazioni: “Eravamo in controllo della gara, abbiamo avuto molte occasioni per chiuderla nel secondo tempo. L’episodio del rigore poteva cambiare la gara ma siamo stati bravi a non crollare e a rimanere in partita. Di Carmine? So che carattere ha, questa sera i tifosi l’hanno spinto a dare qualcosa di più. La doppietta con il Foggia ha cambiato qualcosa. Poi entra Pazzini e fa una doppietta. Serve il contributo di tutti“.

Complimenti al Perugia perché anche in dieci ci hanno complicato la vita. Meriti anche a noi per averli battuti. Il Bentegodi per me è magico, quando ci sono serate come questa porta a dare qualcosa in più. Anche dopo il gol del pareggio ho visto nei ragazzi lo spirito di portarla a casa. Stanchezza per i 120 minuti? L’adrenalina che ti porta gare come questa può far recuperare prima. Pescara? Una partita dobbiamo vincerla per forza, non dobbiamo fare troppi calcoli“.

Ho trovato un gruppo di ragazzi straordinari che si sono messi a completa disposizione. Stasera l’obiettivo era sfondare sugli esterni. Dovevamo farlo meglio nel primo tempo. Anche la fase di verticalizzazione l’abbiamo fatta molto bene, anche se a volte è mancato l’ultimo passaggio. Cosa ho fatto a questa squadra? Ho lavorato sulla testa dei giocatori, ma piano piano stiamo lavorando anche sul piano tattico per portare qualcosa di diverso. Ho trovato un grande gruppo, quindi è stato tutto più facile“.

Leggi anche:

Verona-Perugia 4-1: le dichiarazioni di Pazzini nel post partita

Verona-Perugia 4-1: Risultato Finale

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.