Verona-Salernitana: conferenza stampa Grosso pre-partita

Alla vigilia del delicatissimo match contro la Salernitana di domani sera, il tecnico dell’Hellas Verona Fabio Grosso ha presentato la gara nella consueta conferenza stampa della vigilia. Una partita molto delicata per i gialloblu che, dopo essere tornati al successo domenica scorsa a La Spezia e aver contestualmente salvato la panchina del proprio allenatore, devono necessariamente vincere non potendo più permettersi di perdere distacco dalle prime della classe.

Queste le principali dichiarazioni del tecnico abruzzese: “Veniamo da una bella partita contro un avversario difficile in un campo ostico. Ora ne affrontiamo un altro di avversario altrettanto complicato e questa gara deve darci quella spinta in più per trovare una continuità di risultati. Con la Salernitana è importante ma non determinante perché mancano ancora tante partite e tanti punti, però c’è sempre meno margine di errore. Questa squadra ha fatto buone prestazioni senza raccogliere quanto meritava. Cosa fare di diverso rispetto alla gara di andata? Loro sono una squadra esperta, matura e fisica che ha fatto sei punti nelle ultime due trasferte tra Palermo e Ascoli. Abbiamo le qualità per portare a casa il risultato pieno, ma per farlo dovremo fare una grande prestazione“.

Sulla scelta di Faraoni mezzala: “Lo Spezia era una squadra di qualità e che stava vivendo un periodo di grande entusiasmo, e in mezzo al campo avevano esperienza e fisicità. Ed è proprio per questa ultima caratteristica che ho pensato di portare la quantità di Davide in mezzo al campo insieme alla qualità degli altri due. Vedo i ragazzi tutti i giorni in allenamento e cerco di mettere in campo le soluzioni migliori partita per partita. Partita da doppia punta? Non credo che partiremo così. Come sta Di Gaudio? E’ a disposizione, ma domani valuteremo in rifinitura. Salvo novità dell’ultima ora Silvestri, Faraoni, Lee, Dawidowicz, Bianchetti, Zaccagni e Gustafson saranno titolari, per gli ultimi quattro posti sono tutti a disposizione“.

Conclude Grosso: “A La Spezia mi è piaciuto molto come abbiamo condotto la partita, come in altre gare in cui non abbiamo vinto. Dobbiamo essere in grado di ripetere quanto di buono fatto. Sappiamo che il risultato determina gli umori. Quando fai una partita come quella di domenica è più facile ottenere risultati. Quanto incide la partita di mercoledì a Lecce? Incide poco perché dobbiamo guardare una partita alla volta. Per ora siamo molto focalizzati sulla gara di domani perché nutriamo grande rispetto nei confronti dei nostri avversari e perché vogliamo ripetere quanto di buono fatto a La Spezia. Sono convinto che lavorando sodo e ottenendo risultato convinceremo anche i più scettici“.

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.