Verona-Sampdoria: conferenza stampa Di Francesco pre partita

Alla vigilia di Verona-Sampdoria, ha parlato in conferenza stampa il tecnico dei blucerchiati, Eusebio Di Francesco, alle prese con una situazione di classifica tutt’altro che idilliaca. Ultimo posto e un inizio di campionato caratterizzato da tante difficoltà, in campo e fuori. A circa 24 ore dal calcio d’inizio del match, mister Di Francesco ha presentato la sfida del “Bentegodi” prima di partire alla volta della città scaligera.

Verona-Sampdoria: le dichiarazioni di Di Francesco alla vigilia

“La squadra penso abbia lavorato bene – ha detto Di Francesco – ma ci sono altri aspetti che determinano la gara. Bisogna rimanere in partita davanti a tutte queste situazioni. Abbiamo lavorato a livello difensivo e offensivo e mi auguro che domani venga messo in campo.

Il Verona? Mi preoccupo più della mia squadra che degli avversari. Il Verona però ha fatto un ottimo avvio di campionato, – ha aggiunto – disputando ottime partite. Sappiamo di affrontare una squadra a cui tecnicamente siamo superiori, ma alla quale possiamo essere inferiori dal punto di vista fisico e del temperamento. L’approccio sarà fondamentale, così come l’aspetto mentale quando prepari certe partite.

I convocati? Non ci saranno Maroni, ancora alle prese con un fastidio, e Linetty, che si è stirato calciando in porta in allenamento. Gabbiadini si è allenato con la squadra e potrà darci una mano durante la gara. Si è fermato Thorsby.

Infine, Di Francesco ha voluto dedicare un pensiero al suo ex presidente Giorgio Squinzi, venuto a mancare nella giornata di ieri: “Il presidente Squinzi è stata una persona molto importante per me, non tanto per quanto riguarda il calcio, ma proprio sotto il profilo umano. La sua presenza, anche quando non diceva nulla, si faceva sentire. Allo stesso modo sua moglie, la dottoressa Spazzoli”.

Leggi anche:

Hellas Verona, Verre a La Gazzetta dello Sport: “Contro la Samp sarà una partita aperta”

Verona-Sampdoria, tifoserie pronte a rinnovare un gemellaggio lungo 46 anni

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Amante del calcio sin dalla nascita, segue l'Avellino Calcio fin da bambino e resta aggiornato su tutto ciò che riguarda lo sport più bello del mondo.